Crea sito

William Pitt il Giovane (1759-1806)

William Pitt Il GiovanePitt il Giovane,  (1759 – 1806)  fu primo ministro britannico durante la Rivoluzione Francese e le guerre napoleoniche e ha contribuito a definire e rafforzare il ruolo del primo ministro.
William Pitt è nato il 28 maggio 1759 nel Kent, figlio del conte di Chatham (William Pitt il Vecchio), egli stesso un famoso statista. Pitt ha studiato all’Università di Cambridge, laureandosi quando aveva 17 anni. Agli inizi del 1781, fu eletto al parlamento all’età di 21 anni. Nel 1782, divenne Cancelliere dello Scacchiere. Gli anni successivi furono segnati dalla battaglia tra Giorgio III e il radicale Charles Fox, che il re detestava. La questione di deteriorò quando Fox si alleò con Lord North, quest’ultimo invece in precedenza vicino al Re. I due uomini sconfissero il governo di William Petty, conte di Shelburne, e re Giorgio III fu stato costretto a chiedere loro di prendere il potere. Fox sarà il rivale di tutta la vita politica di Pitt.
Nel dicembre del 1783, Giorgio III accantonò la loro coalizione e chiese a Pitt di formare un governo. Egli fu, a 24 anni, il più giovane a diventare primo ministro. Pitt venne subito sconfitto in Parlamento, ma ha rifiutò di dimettersi. Giorgio III era pronto ad abdicare piuttosto che lasciare che Fox andasse di nuovo al potere. Nel 1784, il Parlamento venne sciolto per indire nuove elezioni, che Pitt vinse. Il suo governo lavorò per ripristinare le finanze pubbliche, messe a dura prova dal costo della guerra di indipendenza americana e poi dalla guerra con la Francia. Pitt impose nuove tasse – incluse la prima imposte sul reddito nella storia della Gran Bretagna – e ha ridusse sia il contrabbando che le frodi. Egli semplificò anche le dogane e i dazi.
Al centro della sua agenda vi erano anche la politica imperiale ed estera. L’India Act del 1784 consolidò il potere di supervisione del governo sulla Compagnia delle Indie Orientali e sulle vaste aree dell’India da essa controllate. Ma la Francia rivoluzionaria rimase la più grande preoccupazione e nel 1793, la Francia dichiarò guerra alla Gran Bretagna.
Nel 1798, ci fu una ribellione in Irlanda, ispirata alle idee della Rivoluzione francese. Pitt aveva sempre pensato che l’unione dei due Paesi era necessario e ciò sfociò nell’Atto di Unione che è entrato in vigore nel gennaio 1801. Tuttavia l’assoluta opposizione reale al suo tentativo di abolire le restrizioni cattolicesimo in Irlanda lo costrinse alle dimissioni nel 1801.
Tre anni dopo, mentre Napoleone minacciava l’invasione della Gran Bretagna, il re fu costretto a chiedere a Pitt di formare un governo che divenne primo ministro nel maggio 1804. Grazie agli sforzi di Pitt, la Gran Bretagna aderì alla terza coalizione contro la Francia (composta da Austria, Russia e Svezia) e nel 1805 gli inglesi inflissero una grave sconfitta per la marina francese nella battaglia di Trafalgar. Tuttavia, la Coalizione crollò e ciò fu una dura prova per la salute già indebolita di Pitt che morì il 23 gennaio 1806 e fu sepolto nell’Abbazia di Westminster

, , ,

No comments yet.

Lascia un commento

*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

eXTReMe Tracker