Crea sito

L’assassinio di Martin Luther King junior

Martin Luther King Jr.Il 4 aprile 1968 il mondo rimase sconvolto alla notizia che il leader dei diritti civili negli Stati Uniti Martin Luther King Jr. era stato assassinato a Memphis, Tennessee. Pastore battista e fondatore della Southern Christian Leadership Conference, King aveva guidato il movimento dei diritti civili a partire dalla metà degli anni 1950, utilizzando una combinazione di slogan potenti e tattiche non-violente, come sit-in, boicottaggi e marce di protesta (tra cui la marcia di massa su Washington nel 1963) per lottare contro la segregazione e ottenere significativi miglioramenti nei diritti civili e nel diritto di voto per gli afro-americani. Il suo assassinio portò a un’ondata di collera tra neri americani, così come a un periodo di lutto nazionale che ha contribuito a velocizzare la strada verso una legislazione che avrebbe comportato un sostanziale miglioramento in tema di uguaglianza nei diritti civili.
Negli ultimi anni della sua vita, King fece fronte a crescenti critiche da parte di giovani attivisti afro-americani che promuovevano un approccio più conflittuale per cercare il cambiamento. Questi giovani radicali erano legati agli ideali del leader nazionalista nero Malcolm X (assassinato nel 1965), che aveva condannato il metodo non-violento di King come “criminale” a fronte della continua repressione subita dagli afro-americani. In seguito a questa opposizione, King aveva cercato di ampliare il suo appello al di di là della sua razza, parlando pubblicamente contro la guerra del Vietnam e lavorando per formare una coalizione di americani poveri – bianchi come neri – per affrontare questioni come la povertà e la disoccupazione .
Nella primavera del 1968, mentre preparava un progetto di marcia a Washington in modo da far pressione sul Congresso per occuparsi dei problemi dei poveri, King e altri membri della Southern Christian Leadership Conference vennero invitati a Memphis, Tennessee per supportare uno sciopero dei lavoratori della nettezza urbana. Nella notte del 3 aprile, King tenne un discorso al Mason Temple Church di Memphis. In esso sembrava presagire o quantomeno riflettere sulla sua scomparsa prematura, terminando il suo pensiero con queste ormai storiche parole:. “Ho visto la terra promessa. Non posso venire lì con voi. Ma voglio che voi questa notte sappiate che noi, come popolo, avremo la terra promessa. E stasera sono felice. non sono preoccupato di niente. Non sto temendo nessun uomo. I miei occhi hanno visto la gloria della venuta del Signore.”
Poco dopo le 6 pomeridiane del giorno successivo, King era in piedi sul balcone del secondo piano del Motel Lorraine assieme ai suoi seguaci quando la pallottola di un cecchino lo colpì al collo. Ricoverato in ospedale, venne dichiarato morto circa un’ora più tardi, all’età di 39 anni.
Lo schock per la notizia della morte di King scatenò rivolte in più di 100 città in tutto il paese, con incendi e razzie. In un clima di lutto nazionale di lutto nazionale, il presidente Lyndon Johnson esortò gli americani a “rifiutare la violenza cieca” che aveva orginato l’omicidio di Martin Luther King, da lui definito “l’apostolo della non violenza.” Egli invitò il Congresso ad approvare rapidamente la legislazione sui diritti civili su cui la Camera dei Rappresentanti aveva appena aperto il dibattito, da lui definita un eredità di King e del lavoro di una vita. L’11 aprile, Johnson firmò il Civil Rights Act del 1968, conosciuto anche anche come Fair Housing Act in quanto proibiva ogni discriminazione razziale o religiosa nell’acquisto, affitto o finanziamento di un’abitazione.
L’8 giugno, le autorità arrestato all’aeroporto Heathrow di Londra un sospettato nell’omicidio di King, un piccolo criminale di nome James Earl Ray. Testimoni lo avevano visto uscire da una pensione nei pressi del Motel Lorraine portando un fagotto; i procuratori affermarono che egli aveva sparato il proiettile fatale da un bagno in quel palazzo. Le autorità trovarono le impronte di Ray sul fucile utilizzato per uccidere King, un telescopio e un paio di binocoli. Il 10 marzo 1969, Ray viene dichiarato colpevole per l’omicidio di King e condannato a 99 anni di carcere. Nessuna testimonianza è stato mai sentita nel suo processo. Poco dopo, però, Ray ritrattato la sua confessione, affermando di essere stato vittima di una cospirazione.
Alla versione di Ray cominciarono in seguito a credere gli stessi membri della famiglia del re, compreso suo figlio Dexter, che ha incontrato Ray nel 1977 e ha iniziato a battersi per una riapertura del suo caso. Anche se il governo americano ha condotto numerose indagini sul processo – che hanno confermato ogni volta Ray come unico colpevole – le polemiche ancora circondano l’assassinio. Al momento della morte di Ray nel 1998, la vedova di King Coretta Scott King (che nelle settimane dopo la morte del marito aveva coraggiosamente continuato la campagna per aiutare gli scioperanti lavoratori della nettezza urbana di Memphis e proseguito la sua missione di cambiamento sociale attraverso mezzi non violenti) pubblicamente lamentava che “l’America non permetterà mai la revisione del processo di Ray, che avrebbe prodotto nuove rivelazioni sull’assassinio … così da accertare i fatti riguardanti la sua innocenza .”
Benchè sia bianchi che neri parteciparono al lutto per la scomparsa di King , la sua uccisione allargò le divisioni tra neri e bianchi americani, in quanto molti neri videro l’assassinio di King come un rifiuto della loro tenace ricerca di uguaglianza attraverso la resistenza non violenta di cui egli si era ffato sostenitore. Il suo omicidio, come l’uccisione di Malcolm X nel 1965, radicalizzò molti moderati attivisti afro-americani, alimentando la crescita del movimento Black Power e il Black Panther Party tra la fine del degli anni 60 e i primi anni 70.
King resta il più noto leader afroamericano della sua epoca, e con la sua eloquenza il volto più noto del movimento dei diritti civili. Una campagna per istituire una festa nazionale in suo onore è iniziata quasi subito dopo la sua morte, e i suoi sostenitori hanno superare una forte opposizione – i critici evidenziavano i dossier dell’FBI sul presunto adulterio di King e sui presunti condizionamenti da parte dei comunisti – prima che il presidente Ronald Reagan traducesse in legge la proposta nel 1983.

, , , , ,

No comments yet.

Lascia un commento

*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

eXTReMe Tracker