Crea sito

La linea Maginot (sintesi)

La linea Maginot prende il nome da André Maginot (1877-1932), un politico che prestò servizio nell’esercito francese durante la Prima Guerra Mondiale fino a quando fu ferito nel novembre del 1914. Da quel momento usò stampelle e bastoni da passeggio per il resto della sua vita. Dopo la fine del conflitto mondiale divenne ministro francese della guerra e presidente della Commissione parlamentare dell’Esercito, ha e contribuì a sviluppare un piano per una linea difensiva lungo la frontiera nord-orientale e si impegnò per trovare i fondi per costruirla.
Le principali fortificazioni della linea Maginot si estendevano da La Ferté (una trentina di chilometri a est di Sedan) fino al fiume Reno, fortificazioni erano presenti anchelungo il Reno e lungo la frontiera italiana. Le fortificazioni sulla frontiera nord-est includevano ventidue enormi fortezze sotterranee e trentasei fortezze più piccole, così come molti fortini e bunker. I francesi posero la maggior parte delle loro più grandi fortezze nel nord-est del Paese per il loro desiderio di proteggere la numerosa popolazione , le industrie chiave, e le abbondanti risorse naturali situate vicino alla valle della Mosella.
Il primo attacco da parte dei tedeschi contro la linea Maginot si verificò il 16 maggio 1940, e fu rivolto contro le fortificazioni isolate a La Ferté sulla punta estrema occidentale della linea. I tedeschi riuscirono a catturare le casematte solo dopo quattro giorni di duri combattimenti, e con il sostegno di grandi quantità di artiglieria pesante e fuoco di 88 mm. ad alta velocità . Nonostante l’uso massiccio della forza, i tedeschi non riuscirono a catturare alcuna delle fortezze maggiori prima dell’armistizio. Sebbene fosse progettato per fronteggiare gli attacchi provenienti dalla Germania, le fortezze linea Maginot potevano essere difese anche contro gli attacchi provenienti dal retro, e di conseguenza, gli americani non ha avuto compito facile nel superare la linea nel 1944-1945.

 

No comments yet.

Lascia un commento

*

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

eXTReMe Tracker